«Questa discussione sul centro non appassiona nessuno e non serve all’Italia. Peraltro un centro che è un fritto misto non ha senso».

Così il leader di Azione, Carlo Calenda, intervistato da Maria Teresa Meli per il ‘Corriere della Sera’.

«Il vero problema del nostro Paese è che non si riesce a fare nulla, dal termovalorizzatore alla manutenzione della rete idrica all’implementazione dei provvedimenti. Quindi quello che serve è una cultura intrisa di capacità amministrativa con un’ ispirazione liberal-democratica che chiuda questa stagione del bipopulismo. E questo è il nostro progetto», ha spiegato.

Alla domanda se continui a essere diffidente nei confronti di Luigi Di Maio, Calenda risponde: «Non è che sono diffidente. A me Di Maio proprio non interessa. Sono contento per lui che abbia visto la luce, cioè che abbia capito che tutto quello che ha fatto in questi dieci anni è sbagliato, ma in questo caso ci si assume la responsabilità e se ne traggono le conseguenze».

Scarica l’app di Ascolta la Notizia per Android: https://bit.ly/2F3ptXR o iPhone: https://apple.co/2F8zEdU

Attiva la skill di Ascolta la Notizia nel tuo dispositivo Alexa: https://amzn.to/3K7RTfU

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.