Prelievo con il bancomat, attenzione alla cifra richiesta: i limiti per il fisco

Quando si preleva al bancomat, ci sono limiti da rispettare per il Fisco? Ecco come stanno realmente le cose. 

Uno dei modi che utilizziamo per conservare il nostro denaro, è depositarlo in banca. Si tratta di un luogo sicuro, dove può restare a lungo termine, senza correre il rischio che qualcuno lo porti via. Con l’avvento del conto corrente, è possibile farsi accreditare lo stipendio, versare soldi, ritirarli, e quant’altro. 

Prelievo bancomat, che limiti impone il Fisco
Prelievo bancomat, che limiti impone il Fisco- (Ascoltalanotizia.it)

Si possono inoltre controllare saldo e movimenti anche online, tramite l’home banking sotto forma di app. Oggigiorno, infatti, grazie a questo sistema è ancora più facile controllare il proprio denaro, ovunque ci si trovi.

Il progresso va sempre più avanti, dunque, e questo facilita non poco i rapporti commerciali e lavorativi. Una delle più grandi comodità di avere un conto corrente, è certamente quello di poter disporre di un bancomat, una carta in cui versare denaro, farsi accreditare lo stipendio, recarsi all’ATM e prelevare soldi. Ma quanti soldi si possono prelevare al bancomat, in contanti, secondo il Fisco? C’è un limite? Scopriamo come stanno davvero le cose.

Prelievo bancomat, quali sono i limiti per il Fisco

Sono in molti a porsi questa domanda, e la risposta vi lascerà certamente di stucco, perché probabilmente non lo immaginate. Siamo soliti presupporre che vi sia un limite nell’importo prelevabile dal nostro bancomat, senza che il Fisco disponga una serie di controlli. Quello che però non tutti sanno, è che, al contrario di quanto si crede, il Fisco non controlla i prelievi in contanti, ma i versamenti di contanti sul conto corrente.

Prelievo bancomat, che limiti impone il Fisco
Prelievo bancomat, quali sono i limiti imposti dal Fisco-(Ascoltalanotizia.it)

Naturalmente, ciò occorre se non siete imprenditori, perché per essi, i controlli avvengono anche sui prelievi di contante. Ergo, non ci sono limiti alle cifre in contanti che si possono prelevare dal proprio conto. Tuttavia, se si supera il prelievo di 10 mila euro nello stesso mese, oppure anche in varie tranche, può succedere che la banca vi domandi che uso ne fate.

Tutto ciò, però, occorre solo a fini di controllo, che serve a prevenire eventuali reati oppure operazioni sospette. Quindi, i controlli non avvengono per scopi fiscali, ma per controllare che non si commettano dei reati. Si tratta di cose da sapere, perché altrimenti ci si pone dei limiti non sapendo che non ci sono limiti da parte del Fisco agli importi da prelevare al bancomat.

Impostazioni privacy