Bonus pellet 2024: ancora possibile ma scade a breve, il risparmio è notevole

C’è ancora poco tempo per usufruire del bonus pellet 2024. Ecco in cosa consiste, come ottenerlo e quanto si risparmia.

Differentemente da come è accaduto per altri bonus riguardo al gas per le caldaie, il governo ha preso la decisione invece di rinnovare quello sul pellet. Ciò vuol dire che coloro che hanno i termosifoni, a gennaio si trovano a pagare delle cifre molto elevate sulle bollette mentre un premio verrà dato a coloro che hanno preferito un combustibile più sostenibile e che quindi dà una mano all’ambiente.

Bonus pellet fino alla fine di febbraio
Bonus pellet- (Ascoltalanotizia.it)

infatti, all’interno della legge di bilancio, il bonus pellet potrà essere utilizzato per tutto il mese di febbraio 2024. Ecco in che modo funziona, a chi spetta e qual è il risparmio che si ottiene nel momento in cui si sceglie di approfittare di questa agevolazione.

In che modo tenere il bonus pellet attivo fino a fine febbraio

Buone notizie per coloro che possiedono una stufa a pellet. A seguito dell’aumento dei prezzi provocati dalle speculazioni, attualmente i sacchi da 15 kg sono tornati alla normalità mentre il governo ha scelto anche di rinnovare il bonus su tale combustibili.

Bonus pellet fino alla fine di febbraio
Stufa a pellet- (Ascoltalanotizia.it)

Il bonus non è altro che l’applicazione dell’IVA ridotta e quindi non al 22% ma al 10% fino alla fine di febbraio. Ciò vuol dire che per ora il prezzo è ancora molto conveniente e coloro che hanno una stufa a pellet possono scegliere di fare scorta per tutta la stagione invernale oltre che per la prossima.

Un bonus che non viene dato prendendo come riferimento l’ISEE in quanto è universale e dà la possibilità a chiunque di beneficiarne senza rientrare in nessun limite previsto. La diminuzione dell’IVA è un sistema molto semplice che dà la possibilità di pagare di meno il pellet e non è necessario nessun tipo di richiesta per usufruirne. Quindi i prezzi applicati sono molto più bassi proprio perché hanno un’aliquota del 12% in meno. Inoltre, coloro che acquistano una stufa a pellet possono beneficiare del bonus mobili e quindi ottenere ulteriori agevolazioni.

Il bonus pellet può essere applicato sia a questo combustibile che ad altri tipi ossia:

  • legna da ardere in tondelli;
  • cascami di legno tra cui segatura;
  • fascine, ramaglie e ceppi.

Coloro che hanno scelto il pellet, preferendo quindi una forma di riscaldamento sostenibile, avranno questa agevolazione a differenza di coloro che hanno preferito il gas, un tipo di riscaldamento altamente inquinante che si sta cercando di sostituire.

Impostazioni privacy