Di Battista: «8 anni fa, Berlusconi venne cacciato dal Senato, ma oggi, nel Paese alla rovescia, è in lizza per diventare Presidente della Repubblica»

«Il 27 novembre del 2013, esattamente 8 anni fa, il Senatore Silvio Berlusconi venne cacciato dal Senato della Repubblica in virtù della legge Severino che lui stesso, un anno prima, durante il governo Monti, aveva votato. Venne estromesso dal Senato per via di una condanna in via definitiva per frode fiscale (non evasione, frode fiscale). Non si è fatto neppure un giorno di carcere ma venne affidato ai servizi sociali. Oggi, a distanza di 8 anni, il partito che ha fondato insieme ai vari Dell’Utri (condannato in via definitiva per consorso esterno in associazione mafiosa) e Previti (condannato in via definitiva per corruzione in atti giudiziari) è tornato al governo».

Così su Facebook l’ex deputato del Movimento 5 Stelle, Alessandro Di Battista.

«Non solo. C’è chi o raccoglie le firme o deposita leggi per cancellare la Severino (dalla Lega al PD) e, per concludere, proprio quel Berlusconi estromesso dal Senato è in lizza per diventare Presidente della Repubblica. Il suo volto potrebbe finire nelle scuole, negli uffici pubblici, nelle questure. Berlusconi potrebbe presiedere il CSM, l’organo di auto-governo della Magistratura italiana. E questo desta molta meno indignazione di quel che meriterebbe», ha aggiunto l’ex pentastellato.

«Oggi, nel Paese alla rovescia, in un’Italia dilaniata dal conformismo, esercitare la memoria è un atto rivoluzionario», ha concluso.

Scarica l’app di Ascolta la Notizia per Android: https://bit.ly/2F3ptXR o iPhone: https://apple.co/2F8zEdU

4 comments on “Di Battista: «8 anni fa, Berlusconi venne cacciato dal Senato, ma oggi, nel Paese alla rovescia, è in lizza per diventare Presidente della Repubblica»
  1. Pierluigi ha detto:

    Perfettamente d’accordo con Diba, siamo un paese comandato da mafiosi, da gente di malaffare e che è dedita a delinquere a scapito della povera gente e dei lavoratori onesti che pagano regolarmente le tasse.
    Siamo davvero uno schifo di paese!!

    1. Davide Lorenzini ha detto:

      la cultura predominante in Italia e la cultura del tornaconto ,gli italiani votano per tornaconto e danno il consenso a un politico che fa come mestiere il politicamente per tornaconto perciò è questa l’Italia che noi vogliamo , causa del suo mal pianga se stesso

  2. correnti ha detto:

    bravo di Battista sarebbe una vergogna per Italia e per tutti noi Italiani ONESTI!!
    MI VERGOGNAVO solo quando pronunciava….Italia di Silvio bunga bunga .
    sperò che tutti riflettere bene chi fare presidente

  3. Lampis Giambattista ha detto:

    Di Battista nel suo commento del “il paese alla rovescia” oltre a precisare le cause dell’espulsione di Berlusconi dal parlamento in base alla legge Severino, ha anche letto la sentenza della Cassazione relativa alla condanna di Dell’Utri per concorso esterno in associazione mafiosa, nella quale i giudici hanno scritto che Berlusconi dal 1974 ha pagato la mafia, deducendo che la rafforzava economicamente e successivamente militarmente, questo l’articolista non l’ha scritto forse perchè non ha visto il filmato o forse perchè non gli conveniva dirlo in quanto anche lui politicizzato. Certo che anche il sentore di un ritorno di Di Battista in politica spaventa un certo tipo di informazione, tant’è che appena parla secondo il mio parere con condizione di causa sono già tutti pronti a manganellarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.