Gogna social, Meloni replica a Cuzzocrea: «Che te ne pare delle cose che scrivono di me i seguaci tuoi e di altri esponenti dell’intellighenzia»

«Annalisa Cuzzocrea di “Repubblica” si lamenta perché ho risposto ad un suo tweet – nel quale mistificava sia il colore del mio vestito che l’atteggiamento a suo avviso “plateale” con cui avevo lasciato l’aula – per alimentare il racconto della Meloni fascista. La giornalista ritiene che io, rispondendole e chiedendo conto del livello del giornalismo che esprimeva con quel tweet, l’abbia esposta alla gogna».

Lo ha scritto su Facebook la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

«Così si è lasciata andare a una serie di altri tweet vittimistici. Classico della sinistra: loro possono dirti qualsiasi cosa, possono strumentalizzare, mentire e perfino insultarti, a volte, fregandosene dell’odio che ti tirano addosso. Poi, se rispondi loro, il provocatore sei tu. Perché devi subire, in silenzio, altrimenti sei una irresponsabile. Io invece penso che irresponsabile sia un giornalismo che – non avendo evidentemente argomenti seri sui quali criticarti – si rifugia nel racconto del mostro», ha aggiunto Meloni.

«Annalisa cara: qui sotto trovi alcune delle cose che scrivono di me i seguaci tuoi e di altri esponenti dell’intellighenzia che ti stanno difendendo. Che te ne pare?» ha concluso la leader di Fratelli d’Italia, invitando la giornalista a leggere le minacce e gli insulti da lei ricevuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.