M5S: «Siamo sulla strada giusta per affrontare e contrastare il divario retributivo di genere»

«La disparità uomo-donna nei salari è soltanto la punta di un iceberg che poggia su una serie di problemi di tipo socio-culturale che devono essere superati tramite azioni mirate e multilivello. È fondamentale intervenire adesso sul lavoro femminile, incentivarlo e liberarlo da ogni forma di discriminazione».

È quanto si legge in un post sulla pagina Facebook del Movimento 5 Stelle.

«La proposta di legge in discussione alla Camera, che il MoVimento 5 Stelle ha contribuito a mettere a punto, è stata caratterizzata da un lavoro trasversale che in commissione Lavoro ha visto il coinvolgimento di tutte le forze politiche, unite nell’intento di sostenere la partecipazione delle donne al mercato del lavoro e la parità retributiva tra i sessi», hanno spiegato i pentastellati.

«Per far sì che le pari opportunità siano reali e non di facciata, il provvedimento prevede meccanismi di trasparenza delle retribuzioni ampliando la platea dei soggetti che dovranno stilare il rapporto sulla condizione del personale. Non solo. Infatti, un altro punto importante di questo provvedimento è l’inserimento delle modifiche organizzative e di orario di lavoro come comportamenti potenzialmente idonei a sostanziare delle discriminazioni indirette, che svantaggiano un genere rispetto a un altro o limitano le progressioni di carriera», si legge ancora nel post.

«Per l’articolo 37 della Costituzione, ‘la donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore’. Questo testo costituisce un buon punto di partenza per affrontare e contrastare il divario retributivo di genere. Siamo sulla strada giusta», hanno concluso i 5 Stelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.