Referendum, Meloni contro il M5S: «Non si azzardino a politicizzare a loro vantaggio questo voto»

«Che al referendum abbia vinto il sì ci rende soddisfatti, ma non si azzardino nel M5S a politicizzare a loro vantaggio questo voto».

Lo ha detto la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, in un’intervista al “Corriere della Sera”.

«Fosse stato per noi non si sarebbe nemmeno fatto, nessuno dei nostri ha sostenuto con la sua firma la richiesta di referendum. Lo hanno voluto loro per nascondere la debacle del movimento alle Regionali, ma hanno ottenuto l’effetto contrario. Perché pur di andare contro il governo, moltissimi hanno votato no. Così il no, che sulla carta avrebbe preso più o meno il 5%, ha raggiunto un risultato clamoroso», ha aggiunto Meloni.

Alla domanda se la richiesta di voto anticipato ha ancora senso, la presidente di FdI ha risposto: «Certo che ce l’ha. Perché è sempre più evidente il disallineamento tra questo Parlamento – anche numericamente dopo il referendum – e le forze che ne fanno parte. Non rispetta più la volontà popolare.

3 comments on Referendum, Meloni contro il M5S: «Non si azzardino a politicizzare a loro vantaggio questo voto»

  1. Piero ha detto:

    Signora Merdoni, le voglio ricordare che il referendum lo avete voluto VOI con i VOSTRI 70 parassiti alla quale riscaldano le poltrone del parlamento. Se fosse stato per il M5S bastava la votazione in alla camera e senato per dare un taglio, invece voi avete fatto buon viso e cattivo gioco, come sempre!
    Parassiti!!!!

  2. Giulienne ha detto:

    Che dire a quest’oca giuliva… stai zitta che tu alzi la cresta solo perché a ogni consultazione po popolare fate la grande ammucchiata con 900 liste che vi sostengono. Capito??? La forza la di misura da soli

    1. Franco ha detto:

      Io resto sempre più basito dalle dichiarazioni di questa papera che gioca a fare il politico…nei suoi 25 anni di politica ha firmato solo leggi contro gli italiani..brava solo all’opposizione poi per essere cazzara e parassita quando sta al governo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *