Coronavirus, Oms: «Per l’automedicazione raccomandiamo il paracetamolo, non l’ibuprofene»

Chi sospetta un contagio da coronavirus non dovrebbe assumere l’ibuprofene senza consultare un medico.

Lo ha affermato l’Organizzazione mondiale della sanità.

Il portavoce dell’Oms Christian Lindmeier, durante una conferenza stampa a Ginevra, ha detto che secondo gli studi più recenti non c’è un collegamento tra il farmaco antinfiammatorio e un aumento dei tassi di mortalità. Ma – ha aggiunto – gli scienziati stanno indagando per far luce sulla questione.

«Raccomandiamo il paracetamolo, non l’ibuprofene, per l’automedicazione», ha detto Lindmeier.

La scorsa settimana era arrivata un’indicazione in tal senso anche dal ministro della salute francese Oliver Véran, il quale aveva avvertito che assumere farmaci anti-infiammatori, come quelli a base di ibuprofene o di cortisone, contro il Covid-19 «potrebbe essere un fattore aggravante dell’infezione».

Un recente articolo pubblicato su ‘The Lancet’ aveva ipotizzato che alcuni farmaci tra cui l’ibuprofene possono rappresentare un rischio per i pazienti con coronavirus che soffrono anche di ipertensione o diabete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.