Il commento critico di ‘Le Figaro’ sull’Ue: «Il ‘bisogna adattarsi’ è la formula dell’ideologia europea»

Il quotidiano francese Le Figaro dà voce a un commento critico sull’euro e l’Unione europea.

L’euro è specchio di un sistema che è passato da una logica in cui le istituzioni economiche erano nazionali, in quanto dovevano adattarsi alle specificità dei paesi, a una logica opposta dove è necessario adattare le economie nazionali a un quadro istituzionale prestabilito e definito direttamente su scala europea.

La negazione delle specificità nazionali e l’imposizione a ciascun paese di adattarsi a un quadro comune, senza realizzare che ciascuno si era evoluto a partire da un suo universo istituzionale, ha ampliato le divergenze anziché creare la convergenza voluta.

Barbara Stiegler riassume l’ideologia neoliberale dominante in Europa in una formula: “Bisogna adattarsi”.
L’essenza del neoliberalismo non è assicurare a tutti la libera ricerca della propria individualità, ma quella di produrre una camicia di forza normativa rigida, stabilita in nome di un principio superiore: la concorrenza libera e non distorta. Un meccanismo per creare una gerarchia tra quelli che si adattano facilmente a tale principio e ne traggono vantaggio, e gli altri, il cui processo di adattamento sarà infinito perché si troveranno eternamente “in ritardo” rispetto ai paesi leader.

Come confermano anche gli economisti del Cep, se la Francia e l’Italia sono i grandi perdenti dell’euro, non sarebbe per la creazione della moneta unica, ma perché questi paesi avrebbero accumulato un “ritardo” nelle riforme delle loro istituzioni nazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.