Acqua dalla nebbia: ecco l’idea rivoluzionaria per irrigare il deserto

“Nelle zone aride e desertiche è sempre stato un problema reperire l’acqua. Nella regione che comprende le coste di Cile e Perù, tra le aree al mondo con maggiore siccità, dei ricercatori dell’Università di Firenze hanno messo a punto un sistema per catturare l’acqua dalla nebbia.

In questa zona si genera una grande nube di condensa, che gli abitanti chiamano ‘mare di nuvole’, per via dello scontro tra una corrente di acqua fredda proveniente dall’Oceano Pacifico con l’aria calda della terra. Nonostante la grande umidità che si crea, la zona rimane arida perché la foschia evapora.

Studiando delle piante che sopravvivono in questi ambienti utilizzando come fonte d’acqua la nebbia, si è ideato un sistema che emula il funzionamento di queste piante, chiamato Water Harvesting. L’acqua viene catturata grazie a delle maglie di plastica e poi viene incanalata per essere conservata. Con una rete di 960 metri quadrati si è riuscito ad ottenere mediamente 12 litri di acqua al giorno. L’acqua ricavata, informano i ricercatori, è stata devolta prima alla riforestazione della zona, e in seguito a ‘progetti di sostegno alla popolazione per lo sviluppo dell’agricoltura di villaggio e la rinaturalizzazione dei corsi d’acqua’.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *